Il latte materno è un alimento  sano e a zero spreco

Promuovere il latte materno e, in particolare, l’allattamento al seno vuol dire difendere la salute dei nostri bambini, delle mamme e dell’ambiente

di GIULIA BIGIONI

I bambini consumano solo latte per i primi sei mesi – e tutti sono bambini una volta. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda l’allattamento al seno in maniera esclusiva fino al compimento del 6° mese di vita. L’allattamento al seno, come sostenuto dal Tavolo tecnico operativo interdisciplinare per la promozione dell’allattamento al seno (TAS), istituito presso il nostro Ministero della Salute, rafforza e consolida il legame del neonato con la mamma (bonding); fornisce al neonato un’alimentazione completa (benefici nutrizionali); protegge il neonato dalle infezioni ed ha benefici  certi per la salute della mamma.

Il latte materno è l’alimento più sostenibile che è possibile avere, ma l’uso del latte in formula è in aumento. “La produzione di inutili formule per neonati e bambini aggrava il danno ambientale e dovrebbe essere una questione di crescente preoccupazione globale”, sostengono gli esperti sul The British Medicine Journal, “con le vendite globali che dovrebbero raggiungere oltre 70 miliardi di sterline entro il 2020”.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31578194

Natalie Shenker, dell’ l’Imperial College di Londra, e i suoi colleghi con le loro ricerche evidenziano che l’allattamento al seno per sei mesi consente di risparmiare circa 95-153 kg di CO2 equivalente per bambino rispetto all’alimentazione con formula.

L’industria alimentare, in particolare la produzione di latte e carne, contribuisce per circa il 30% dei gas serra globali.  La maggior parte delle formule si basa su latte di vacca in polvere. Il metano proveniente dal bestiame è un gas serra potente e significativo e il latte vaccino ha un’impronta idrica fino a 4.700 litri per chilogrammo di polvere.

Per il solo Regno Unito, i risparmi sulle emissioni di carbonio ottenuti sostenendo le madri nell’allattamento al seno equivarrebbero al risparmio ottenuto riducendo la circolazione  di 50.000 -77.500 auto ogni anno. Pertanto, chiedono un’azione urgente da parte del governo per sostenere l’allattamento al seno come parte di un impegno globale per ridurre le impronte di carbonio in ogni ambito della vita.

Inoltre, il latte in polvere formulato per bambini può essere prodotto in modo sicuro solo con acqua che è stata riscaldata ad almeno 70 ° C, con un consumo di energia equivalente alla ricarica di 200 milioni di smartphone ogni anno.

Non solo la produzione del latte artificiale ma anche i contenitori contribuiscono all’inquinamento del nostro pianeta. In termini di rifiuti prodotti, uno studio ha dimostrato che 550 milioni di confezioni di latte artificiale, pari a 86.000 tonnellate di metallo e 364.000 tonnellate di carta, finiscono nelle discariche ogni anno.

Altri costi per l’ambiente includono l’uso della carta, i rifiuti di plastica e il trasporto in più fasi nella produzione, commercializzazione e vendita di sostituti del latte materno.

Se non quando strettamente necessario, il latte materno dovrebbe essere l’unica soluzione per i nostri bambini: per tutti i bambini che non possono essere allattati al seno, la soluzione può essere la donazione di latte materno. Il latte materno è in grado di ridurre la morbilità e la mortalità e nei neonati a basso peso alla nascita, il latte donatore riduce l’incidenza di enterocolite necrotizzante, sepsi a esordio tardivo e migliora i risultati.

“Dobbiamo riconoscere che” la nostra casa è in fiamme “e che la prossima generazione ci impone di agire rapidamente per ridurre l’impronta di carbonio in ogni ambito della vita”, sostiene Natalie Shenker, “L’allattamento al seno fa parte di questo puzzle e sono necessari investimenti urgenti in tutto il settore “.