Intervento sul lifestyle: focus sui cambiamenti antropometrici

L’educazione alimentare, un aiuto per combattere sovrappeso e obesità nelle donne sedentarie

di ALDA ATTINÀ

L’aumento della patologia dell’obesità è documentato dalla letteratura scientifica e dalle analisi statistiche demografiche. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il numero di persone obese nel mondo è raddoppiato a partire dal 1980: nel 2014 oltre 1,9 miliardi di adulti erano in sovrappeso, di cui oltre 600 milioni obesi. Obesità e sovrappeso risultano in aumento anche nei Paesi a basso e medio reddito. È proprio la popolazione infantile a fare da specchio a questo trend sociale negativo. Nel continente africano, il numero di bambini in sovrappeso o obesità è quasi raddoppiato dai 5,4 milioni del 1990 ai 10,6 milioni nel 2014. Globalmente, nello stesso anno, 41 milioni di bambini sotto i 5 anni di età erano in sovrappeso o obesi (http://www.epicentro.iss.it/problemi/obesita/EpidMondo.asp).

Il comportamento alimentare nell’ambiente familiare è influenzato da innumerevoli fattori quali l’etnia, l’ambiente socio-economico, la numerosità della famiglia, l’educazione scolastica, l’età e la professione svolta dai genitori, la consapevolezza e l’attenzione dei componenti della famiglia ad uno stile di vita sano.

Lo studio My Body is Fit and Fabolous at home (MyBFF@home) svolto dal Dipartimento di Nutrizione e Dietetica della University of Putra in Malaysia (https://bmcwomenshealth.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12905-018-0595-z) ha valutato come un intervento di 6 mesi di educazione alimentare abbia portato ad un miglioramento dei parametri antropometrici e della composizione corporea in donne casalinghe di età compresa tra i 18 e i 59 anni delle zone a basso reddito della Klang Valley in Malaysia.

Ogni donna ha ricevuto un’home package composto da importanti strumenti di tipo educativo-alimentare: un counselling nutrizionale personalizzato, dei suggerimenti sulle modifiche allo stile di vita con aumento dell’attività fisica e sportiva, del materiale informativo sulla salute della donna nelle fasce di età comprese tra i 18-59 anni. I risultati dopo i 6 mesi di intervento hanno mostrato una riduzione del peso corporeo di circa 1,3% e una modifica alle misure antropometriche tra cui le circonferenze corporee misurate in vita, addome e fianchi. La modifica della composizione corporea ha mostrato una riduzione della percentuale di massa grassa e grasso viscerale. La modulazione positiva del comparto grasso impone una riflessione: se la patologia dell’obesità sta alla base dell’aumento del rischio cardio-metabolico, l’intervento alimentare condotto verso la riduzione del peso, con altrettanto potenziamento del comparto magro, rappresenta la soluzione ideale per il miglioramento dello stile di vita e l’aumento della healthy lifespan.

Difatti, nelle donne incluse nel gruppo di intervento, la massa magra corporea ha evidenziato un significativo aumento. Si tratta della dimostrazione reale di come il solo intervento nutrizionale short-term personalizzato, possa essere di supporto e cura nel controllo del soggetto sovrappeso/obeso e di come lo stesso possa stimolare la consapevolezza dell’intero nucleo familiare verso la prevenzione delle patologie croniche non trasmissibili e food-related. L’aumento del livello di attività fisica e del dispendio energetico, garantito con la modifica dello stile di vita in MyBFF@home, è stato capace di influenzare l’attività del sistema nervoso simpatico grazie all’aumentato rilascio di mediatori neurormonali quali endorfine e serotonina. L’attività sportiva e l’educazione alimentare svolte in gruppo potrebbero garantire la riuscita delle tematiche di educazione alimentare con l’auspicio che gli argomenti trattati vengano mantenuti dopo la fine dell’intervento.

Lo stile di vita sano nel contesto familiare ha come strumento l’alimentazione come arma per la prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili quali diabete tipo 2, cardiopatie, neoplasie e malattie respiratorie croniche.

Bibliografia

Nor Azian Mohd Zaki, Geeta Appannah, Noor Safiza Mohamad Nor, Azahadi Omar, Mansor Fazliana, Rashidah Ambak, Siti Shafiatun Mohsin and Tahir Aris. Impact of community lifestyle intervention on anthropometric parameters and body composition among overweight and obese women: findings from the MyBFF@home study.  BMC Women’s Health 2018, 18(Suppl 1):110 https://doi.org/10.1186/s12905-018-0595-z