Videogiochi in aiuto per combattere l’obesità infantile

I videogiochi che prevedono movimento sono un valido strumento per incrementare l’attività fisica in bambini sovrappeso/obesi

di GIULIA CINELLI

I bambini e gli adolescenti passano molto del loro tempo libero con smartphone, tablets e videogiochi. Molto spesso queste abitudini fanno sì che si riduca drasticamente il livello di attività fisica quotidiano, favorendo al contrario comportamenti tipicamente sedentari.

Le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS – WHO, World Health Organization) suggeriscono per bambini e ragazzi tra i 5 ed i 17 anni almeno 60 minuti al giorno di attività fisica di intensità moderata/vigorosa (http://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/physical-activity).

Abitudini sedentarie, al pari con un’alimentazione non salutare e sbilanciata, rivestono un ruolo centrale nell’epidemia dell’obesità in età evolutiva, che continua a colpire anche il nostro Paese. In Italia gli ultimi dati dell’indagine OKkio all Salute mostrano come quasi un terzo dei bambini tra gli 8 e i 9 anni si trovino in una condizione di eccesso ponderale (21,3% in sovrappeso, 9,3% obesi) (http://www.epicentro.iss.it/okkioallasalute/dati2016.asp).

Considerando le abitudini “tecnologiche” dei nostri bambini, la Dott.ssa Amanda Staiano, direttrice del Laboratorio di Obesità e Salute Pediatrica del Pennington Biomedical Research Centre, si è dedicata alla ricerca di un modo per sfruttare proprio i videogiochi per incrementare la loro attività fisica quotidiana.

“Il gioco attivo è cruciale per lo sviluppo di un bambino sano. Il gioco è il modo in cui i bambini fanno la loro attività fisica. Oggi i ragazzi passano 7-8 ore al giorno di fronte ad uno schermo e non sono sufficientemente attivi, il che ha un effetto negativo sulla loro salute. All’interno della maggior parte delle nostre case però c’è uno strumento che ha il potenziale di far muovere di più i nostri ragazzi: i videogiochi.” ha affermato la ricercatrice (https://www.youtube.com/watch?v=Q4ySv2CtBtU).

In particolare, lo studio pubblicato lo scorso luglio sulla rivista Pediatric Obesity e portato avanti dal suo gruppo di lavoro alla Louisiana State University, ha testato l’efficacia degli exergames (ovvero videogiochi che richiedono un’attività fisica) nel miglioramento della salute cardiometabolica e nel calo ponderale in bambini sovrappeso/obesi. (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=10.1111%2Fijpo.12438)

Lo studio randomizzato e controllato, ha coinvolto 46 bambini, maschi e femmine, tra i 10 ed i 12 anni. La metà dei soggetti è stata assegnata ad un gruppo di intervento a cui i ricercatori hanno lasciato una console provvista di differenti videogiochi. In questo gruppo i bambini e le famiglie dovevano rispettare per 6 mesi sessioni di gioco costruite in modo tale da raggiungere il livello di attività fisica raccomandato dall’OMS e avevano delle sessioni con un coach in videochat a cadenza periodica. Infine, ai partecipanti di questo gruppo veniva chiesto di indossare un dispositivo per il monitoraggio dell’attività fisica. L’altra metà dei bambini è, invece, entrata a far parte della ricerca come gruppo di controllo e ha ricevuto la console con i videogiochi solo dopo l’ultima visita di follow-up.

Nel gruppo di intervento i bambini hanno accettato e gradito la tipologia di approccio e il tasso di aderenza è stato alto (94%). Inoltre, gli stessi bambini, quando confrontati con quelli del gruppo di controllo, hanno mostrato una riduzione del BMI z-score ed un miglioramento di: pressione arteriosa, colesterolo totale, colesterolo LDL e del livello di attività fisica.

Videogiochi interattivi, da condividere con famiglie ed amici, inseriti all’interno di un programma di intervento mirato possono dunque essere un’ottima strategia per incrementare il movimento in condizioni di obesità infantile. Senza dubbio questi strumenti sono molto apprezzati da bambini e ragazzi e possono invogliarli ad essere più attivi!

IMG_articolo videogiochi_2

Bibliografia

Staiano, A. E., Beyl, R. A., Guan, W., Hendrick, C. A., Hsia, D. S., & Newton Jr, R. L. (2018). Home‐based exergaming among children with overweight and obesity: a randomized clinical trial. Pediatric obesity.

World Health Organization. (2010). Global recommendations on physical activity for health. World Health Organization.